comment Add Comment
Posted on Last updated

IL TEMPO DI VITA PAOLO MANZELLI

IL TEMPO DI VITA : PAOLO MANZELLI –Cluster Egocreanet 2018- egocreanet2016@gmail.com

---------------------------------------------------------------------------

Il tempo e lo spazio sono rappresentazioni delle energia che si trasforma; pertanto lo scenario dello "spazio / tempo” cambia per contenere una complessita' di trasformazione piu' coerente con l’ avanzamento delle conoscenze sulla interazione tra le forme di energia.

 

Nella fisica classica il tempo e lo spazio sono stati ritenuti indipendenti e rappresentati da uno scenario Euclideo ( X,Y,Z,T) dove tempo e spazio sono entita' assolute in quanto la forma prevalente di energia è stata considerata solo quella del movimento cosicché la reversibilita’ del moto viene considerata nelle tre diverse direzioni ortogonali dello spazio, dove il tempo fluisce linearmente.

 

In tal modo il “Tempo del MOTO” indica l’ unica direzione dello sviluppo di un sistema  e di conseguenza le equazioni del moto della Fisica Classica, sia quella della formula newtoniana (F=ma ) che quella relativistica di Einstein ( E= mc2) risultano perfettamente reversibili rispetto al Tempo, considerato lineare e misurato da una convenzione rappresentata della successione numerica dell'Orologio.

 

La Freccia del Tempo, intesa come Tempo di Trasformazione e' stata successivamente presa in considerazione per i sistemi Termodinamici in relazione della trasformazione di ENERGIA IN MOVIMENTO delle macchine.

 

Pertanto oltre alla Energia intesa come moto, la Termodinamica prende in considerazione il cambiamento della energia che avviene nella transizione tra sistemi ordinati ( a più bassa Entropia) a sistemi piu' probabili a piu’ alta dispersione di energia ( come ad es. quando il gas si espande e genera moto nel motore ) producendo maggior Entropia (invero: inquinamento) nell' ambiente. (1)

 

(1)- Maxmilian Caligiuri: http://www.scienzaeconoscenza.it/blog/fisica-dell-incredibile/la-freccia-del-tempo-prima-parte

 

I sistemi viventi invero “NON" sono concepibili come sistemi termodinamici perchè si auto-riproducono assumendo energia e materia dall’ ambiente. La vita pertanto è un sistema altamente improbabile poiche' anziche' aumentare l’entropia agisce come un sistema "neg-entropico" ( a "entropia negativa").

 

Tale inversione “neg-entropica” è resa possibile mediante la complessa integrazione sinergica tra informazione (genetica ed epigenetica) che viene processata in forma quantizzata della Luce e del Suono (biofotoni e biofononi) al fine di attivare i processi ciclici/circadiani di trasformazione della materia (Acqua e Cibo ed Ossigeno) . (2)

 

(2) – Biologia Quantica : http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=100607

 

Il “Tempo della Vita”, a differenza della Freccia del Tempo dei sistemi termodinamici, assume quindi una dimensione “circolare” che può essere definita dalla composizione bidimensionale simultanea dei due Tempi : Tempo del Moto  e Tempo della trasformazione.

 

Pertanto l’ evoluzione del tempo nei Sistemi Viventi assume una forma di una transizione elicoidale evolutiva (simile alla morfogenesi assunta dal DNA) cosicché il "Tempo della Vita" viene ad essere “irreversibile” in quanto procede unicamente verso la direzione del “ Futuro” .

 

<La Forma del Tempo>.

 

Il matematico Hermann Minkowski (1864 – Göttingen, 12 gennaio 1909), ha delineato la forma della relativita' dello spazio-tempo quadridimensionale suddivisa in Passato, Presente ed Futuro.(3)

 

(3)https://argomentidifisica.wordpress.com/2011/03/30/lo-spaziotempo-di-minkowski/

 

 

Nella concezione di EGOCREANET, l’evoluzione la struttura del tempo di Minkowski viene reinterpretata in quanto le relazioni relative tra "tempo e spazio", assumono la forma dettata dall’ avanzamento delle conoscenze sulle interazioni di trasformazione tra le principali forme di energia. (4)

 

(4)- Ei /Ev//EM : http://www.caosmanagement.it/n62/art62_04.html

 

Pertanto il Passato è rappresentato dalla struttura del mondo Euclideo in coordinate cartesiane (X,Y,Z,T)  mentre il Presente è rappresentato da un "ologramma" che deriva dalla proiezione del Passato sul piano bidimensionale nello spazio e nel tempo del Presente ( in coordinate : X,Y, T1,T2) , mentre il Futuro è rappresentato dal “Cono di Luce” dove, rispetto al modo Euclideo, le coordinate di spazio e tempo generano una completa inversione della Matrice dello Spazio Tempo. ( X,T1,T2,T3). (5)

 

(5) http://www.academia.edu/10205028/QUANTUM_SPACE_TIME_MATRIX_THIRD_REVIEW_

http://venezian.altervista.org/Scienzarte/48__Quantum_Space_Time_Matrix.pdf

http://www.caosmanagement.it/218-quantum-space-time-matrix

 

IN CONCLUSIONE la trasformazione evolutiva della vita  si basa sul “TEMPO DI VITA”  che, similmente allo scenario di Minkowski, viene rappresentata da un cono costruito elicoidalmente che parte da un punto olografico del Presente e si apre nella direzione del Futuro, ampliando la area di probabilita' di sviluppo e di differenziazione del sistema vivente e della sua biodiversità.

 

Firenze 29/05/2018

 

 

 

 

Paolo Manzelli – Considerazioni  sul TEMPO della VITA 31/05/2018

 

Cari amici nell’ultimo mio scritto ho voluto trattare la questione della irreversibilita’ del tempo proponendo la successione di modelli di Tempo che storicamente conducono ad una re-intepretazione divulgativa del modello “locale” relativistico di MINKOWSKI che ho recentemente parlato (1)

(1)- Il Tempo di Vita : https://dabpensiero.wordpress.com/2018/05/29/il-tempo-di-vita/

 

Tale trattazione è importante perché sull’interpretazione del tempo  sono fallite tutte le concezioni scientifiche derivanti dal paradigma Meccanico  della  scienza ivi compreso il tentativo di trattare la  Termodinamica come sistema  aperto a scambi di energia e materia correlandoli alla irreversibilità del tempo .

 

La termodinamica del ”non equilibrio”  è una estensione della termodinamica e consiste nello studio di sistemi termodinamici dipendenti dal tempo, e cioe’ delle trasformazioni irreversibili di  sistemi aperti a scambi di energia .

La termodinamica del "non equilibrio" in un confronto con la termodinamica classica, che è relativa a stati stazionari privi di variazioni di tempo, ha tentato di estendersi a fenomeni dinamici dominati dalla irreversibilità del tempo, applicata a fluttuazioni di grandi sistemi fisici ma solo per piccole deviazioni dall’equilibrio.

 

Uno dei più noti  sistemi termodinamici di non-equilibrio studiato in "chimica"  che prevede scambi, non solo di energia ma anche di materia, è stato l'oscillatore armonico delle reazioni di  Belousov-Zhabotinsky e sugli anelli su gel messi in evidenza dal Fotografo Liesegang.

 

Il tentativo di interpretare con la termodinamica dei processi di non equilibrio,  di Prigogine,  si è basato sul concetto di “struttura dissipativa”  ovvero su un sistema termodinamico di non-equilibrio in grado di scambiare energia e materia con l'esterno per far emergere l'ordine dal disordine. Tale  creazione di ordine contrasta con  il secondo principio della termodinamica che prevede per ogni sistema “ isolato “  un progressivo degrado verso uno stato di maggiore disordine molecolare (e quindi di maggiore entropia).

Il tentativo di Prigogine di estendere i risultati ottenuti nei sistemi termodinamici, lontani dall'equilibrio, a tutti i sistemi complessi, il cui comportamento è stocastico, di fatto è risultato aleatorio perché sottoposto a troppi parametri per poter essere previsto a priori.

 

Pertanto, proprio partendo dalla necessità di revisione dei modelli scientifici, Ilya Prigogine assieme alla filosofa Isabelle Stengers , riprese quanto scrisse Erwin Schrödinger: "la materia vivente si alimenta di entropia negativa" (1 - pp. 74/75), ponendosi il problema di capire nel quadro di un superamento di ogni concezione termodinamica , il significato fisico del ricambio metabolico, che permette di "scambiare" energia e materia producendo Negantropia. .(2)

(2) Erwin Schrödinger "Che cos’è la vita", Sansoni Firenze 1988

Pertanto la moderna integrazione tra Scienza e Umanesimo   non puo’ prescindere dal divenire della   freccia temporale orientata verso il cambiamento del futuro modello scientifico non più Meccanico , estesa sia a livello microscopico  che macroscopico nel quale la irreversibilità di trasformazione diviene  una necessaria dimensione fondamentale dell’evoluzione delle relazioni tra epigenetica e genetica che permettono e sostengono la vita nel nostro Pianeta. (3)

(3)- http://www.einaudi.it/libri/libro/ilya-prigogine-isabelle-stengers/la-nuova-alleanza/978880615304

 

Dal 2004 ( anno in cui sono in pensione) con EGOCREANET  e collaboratori ho tentato di ristrutturare tali concezioni innovative  allo scopo di impostare un effettivo cambiamento scientifico e culturale  della nostra epoca, di transizione sociale ed economica.

----------------------------------------------------------------------------------------------

Egocreanet  alcune premesse sul tema : Biblio ON Line:

Caos, CAOS, COSMOS e CRONOS: idee per l' epoca digitale , http://www.psychomedia.it/pm/science/nonlin/manzelli.htm

Meeting "AI MARGINI DEL CAOS: FENOMENI DI AUTORGANIZZAZIONE IN SCIENZA, ARTE E UMANESIMO",giorni 20-21 novembre 2008 a Firenze http://ibiocat2.blogspot.com/2008/11/di-catalisi-di-paolo-manzelli.html

Tempo di Catalisi: http://www.edscuola.it/archivio/lre/tempo_di_catalisi.htm

Catalisi ed Informazione : http://www.edscuola.it/archivio/lre/catalisi_ed_informazione.htm

Reazioni chimiche e cosmologia  NOV. 2004 : http://www.zoomedia.it/Firenze/cultura/scienze/on_ns/approfondimenti.html