comment Add Comment

IL TEMPO DI VITA PAOLO MANZELLI

IL TEMPO DI VITA : PAOLO MANZELLI –Cluster Egocreanet 2018- egocreanet2016@gmail.com

---------------------------------------------------------------------------

Il tempo e lo spazio sono rappresentazioni delle energia che si trasforma; pertanto lo scenario dello "spazio / tempo” cambia per contenere una complessita' di trasformazione piu' coerente con l’ avanzamento delle conoscenze sulla interazione tra le forme di energia.

 

Nella fisica classica il tempo e lo spazio sono stati ritenuti indipendenti e rappresentati da uno scenario Euclideo ( X,Y,Z,T) dove tempo e spazio sono entita' assolute in quanto la forma prevalente di energia è stata considerata solo quella del movimento cosicché la reversibilita’ del moto viene considerata nelle tre diverse direzioni ortogonali dello spazio, dove il tempo fluisce linearmente.

 

In tal modo il “Tempo del MOTO” indica l’ unica direzione dello sviluppo di un sistema  e di conseguenza le equazioni del moto della Fisica Classica, sia quella della formula newtoniana (F=ma ) che quella relativistica di Einstein ( E= mc2) risultano perfettamente reversibili rispetto al Tempo, considerato lineare e misurato da una convenzione rappresentata della successione numerica dell'Orologio.

 

La Freccia del Tempo, intesa come Tempo di Trasformazione e' stata successivamente presa in considerazione per i sistemi Termodinamici in relazione della trasformazione di ENERGIA IN MOVIMENTO delle macchine.

 

Pertanto oltre alla Energia intesa come moto, la Termodinamica prende in considerazione il cambiamento della energia che avviene nella transizione tra sistemi ordinati ( a più bassa Entropia) a sistemi piu' probabili a piu’ alta dispersione di energia ( come ad es. quando il gas si espande e genera moto nel motore ) producendo maggior Entropia (invero: inquinamento) nell' ambiente. (1)

 

(1)- Maxmilian Caligiuri: http://www.scienzaeconoscenza.it/blog/fisica-dell-incredibile/la-freccia-del-tempo-prima-parte

 

I sistemi viventi invero “NON" sono concepibili come sistemi termodinamici perchè si auto-riproducono assumendo energia e materia dall’ ambiente. La vita pertanto è un sistema altamente improbabile poiche' anziche' aumentare l’entropia agisce come un sistema "neg-entropico" ( a "entropia negativa").

 

Tale inversione “neg-entropica” è resa possibile mediante la complessa integrazione sinergica tra informazione (genetica ed epigenetica) che viene processata in forma quantizzata della Luce e del Suono (biofotoni e biofononi) al fine di attivare i processi ciclici/circadiani di trasformazione della materia (Acqua e Cibo ed Ossigeno) . (2)

 

(2) – Biologia Quantica : http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=100607

 

Il “Tempo della Vita”, a differenza della Freccia del Tempo dei sistemi termodinamici, assume quindi una dimensione “circolare” che può essere definita dalla composizione bidimensionale simultanea dei due Tempi : Tempo del Moto  e Tempo della trasformazione.

 

Pertanto l’ evoluzione del tempo nei Sistemi Viventi assume una forma di una transizione elicoidale evolutiva (simile alla morfogenesi assunta dal DNA) cosicché il "Tempo della Vita" viene ad essere “irreversibile” in quanto procede unicamente verso la direzione del “ Futuro” .

 

<La Forma del Tempo>.

 

Il matematico Hermann Minkowski (1864 – Göttingen, 12 gennaio 1909), ha delineato la forma della relativita' dello spazio-tempo quadridimensionale suddivisa in Passato, Presente ed Futuro.(3)

 

(3)https://argomentidifisica.wordpress.com/2011/03/30/lo-spaziotempo-di-minkowski/

 

 

Nella concezione di EGOCREANET, l’evoluzione la struttura del tempo di Minkowski viene reinterpretata in quanto le relazioni relative tra "tempo e spazio", assumono la forma dettata dall’ avanzamento delle conoscenze sulle interazioni di trasformazione tra le principali forme di energia. (4)

 

(4)- Ei /Ev//EM : http://www.caosmanagement.it/n62/art62_04.html

 

Pertanto il Passato è rappresentato dalla struttura del mondo Euclideo in coordinate cartesiane (X,Y,Z,T)  mentre il Presente è rappresentato da un "ologramma" che deriva dalla proiezione del Passato sul piano bidimensionale nello spazio e nel tempo del Presente ( in coordinate : X,Y, T1,T2) , mentre il Futuro è rappresentato dal “Cono di Luce” dove, rispetto al modo Euclideo, le coordinate di spazio e tempo generano una completa inversione della Matrice dello Spazio Tempo. ( X,T1,T2,T3). (5)

 

(5) http://www.academia.edu/10205028/QUANTUM_SPACE_TIME_MATRIX_THIRD_REVIEW_

http://venezian.altervista.org/Scienzarte/48__Quantum_Space_Time_Matrix.pdf

http://www.caosmanagement.it/218-quantum-space-time-matrix

 

IN CONCLUSIONE la trasformazione evolutiva della vita  si basa sul “TEMPO DI VITA”  che, similmente allo scenario di Minkowski, viene rappresentata da un cono costruito elicoidalmente che parte da un punto olografico del Presente e si apre nella direzione del Futuro, ampliando la area di probabilita' di sviluppo e di differenziazione del sistema vivente e della sua biodiversità.

 

Firenze 29/05/2018

 

 

 

 

Paolo Manzelli – Considerazioni  sul TEMPO della VITA 31/05/2018

 

Cari amici nell’ultimo mio scritto ho voluto trattare la questione della irreversibilita’ del tempo proponendo la successione di modelli di Tempo che storicamente conducono ad una re-intepretazione divulgativa del modello “locale” relativistico di MINKOWSKI che ho recentemente parlato (1)

(1)- Il Tempo di Vita : https://dabpensiero.wordpress.com/2018/05/29/il-tempo-di-vita/

 

Tale trattazione è importante perché sull’interpretazione del tempo  sono fallite tutte le concezioni scientifiche derivanti dal paradigma Meccanico  della  scienza ivi compreso il tentativo di trattare la  Termodinamica come sistema  aperto a scambi di energia e materia correlandoli alla irreversibilità del tempo .

 

La termodinamica del ”non equilibrio”  è una estensione della termodinamica e consiste nello studio di sistemi termodinamici dipendenti dal tempo, e cioe’ delle trasformazioni irreversibili di  sistemi aperti a scambi di energia .

La termodinamica del "non equilibrio" in un confronto con la termodinamica classica, che è relativa a stati stazionari privi di variazioni di tempo, ha tentato di estendersi a fenomeni dinamici dominati dalla irreversibilità del tempo, applicata a fluttuazioni di grandi sistemi fisici ma solo per piccole deviazioni dall’equilibrio.

 

Uno dei più noti  sistemi termodinamici di non-equilibrio studiato in "chimica"  che prevede scambi, non solo di energia ma anche di materia, è stato l'oscillatore armonico delle reazioni di  Belousov-Zhabotinsky e sugli anelli su gel messi in evidenza dal Fotografo Liesegang.

 

Il tentativo di interpretare con la termodinamica dei processi di non equilibrio,  di Prigogine,  si è basato sul concetto di “struttura dissipativa”  ovvero su un sistema termodinamico di non-equilibrio in grado di scambiare energia e materia con l'esterno per far emergere l'ordine dal disordine. Tale  creazione di ordine contrasta con  il secondo principio della termodinamica che prevede per ogni sistema “ isolato “  un progressivo degrado verso uno stato di maggiore disordine molecolare (e quindi di maggiore entropia).

Il tentativo di Prigogine di estendere i risultati ottenuti nei sistemi termodinamici, lontani dall'equilibrio, a tutti i sistemi complessi, il cui comportamento è stocastico, di fatto è risultato aleatorio perché sottoposto a troppi parametri per poter essere previsto a priori.

 

Pertanto, proprio partendo dalla necessità di revisione dei modelli scientifici, Ilya Prigogine assieme alla filosofa Isabelle Stengers , riprese quanto scrisse Erwin Schrödinger: "la materia vivente si alimenta di entropia negativa" (1 - pp. 74/75), ponendosi il problema di capire nel quadro di un superamento di ogni concezione termodinamica , il significato fisico del ricambio metabolico, che permette di "scambiare" energia e materia producendo Negantropia. .(2)

(2) Erwin Schrödinger "Che cos’è la vita", Sansoni Firenze 1988

Pertanto la moderna integrazione tra Scienza e Umanesimo   non puo’ prescindere dal divenire della   freccia temporale orientata verso il cambiamento del futuro modello scientifico non più Meccanico , estesa sia a livello microscopico  che macroscopico nel quale la irreversibilità di trasformazione diviene  una necessaria dimensione fondamentale dell’evoluzione delle relazioni tra epigenetica e genetica che permettono e sostengono la vita nel nostro Pianeta. (3)

(3)- http://www.einaudi.it/libri/libro/ilya-prigogine-isabelle-stengers/la-nuova-alleanza/978880615304

 

Dal 2004 ( anno in cui sono in pensione) con EGOCREANET  e collaboratori ho tentato di ristrutturare tali concezioni innovative  allo scopo di impostare un effettivo cambiamento scientifico e culturale  della nostra epoca, di transizione sociale ed economica.

----------------------------------------------------------------------------------------------

Egocreanet  alcune premesse sul tema : Biblio ON Line:

Caos, CAOS, COSMOS e CRONOS: idee per l' epoca digitale , http://www.psychomedia.it/pm/science/nonlin/manzelli.htm

Meeting "AI MARGINI DEL CAOS: FENOMENI DI AUTORGANIZZAZIONE IN SCIENZA, ARTE E UMANESIMO",giorni 20-21 novembre 2008 a Firenze http://ibiocat2.blogspot.com/2008/11/di-catalisi-di-paolo-manzelli.html

Tempo di Catalisi: http://www.edscuola.it/archivio/lre/tempo_di_catalisi.htm

Catalisi ed Informazione : http://www.edscuola.it/archivio/lre/catalisi_ed_informazione.htm

Reazioni chimiche e cosmologia  NOV. 2004 : http://www.zoomedia.it/Firenze/cultura/scienze/on_ns/approfondimenti.html

 

comment Add Comment

Il movimento innovativo del BELLESSERE

Il movimento innovativo del BELLESSERE

La Concezione del BELLESSERE considera la qualita dell' essere in una dimensione olistica aziche di quella derivata dalla concezione meccanica della percezione visiva.
La arbitraria separazione tra soggetto ed oggetto della osservazione riduce la qualita dell' essere a mettere in evidenza la maschera dell'apparire cosi che nella prassi del mercato la manifestazione superficiale acquista maggior valore dei conteniti di qualita della merce
Egocreanet ha da tempo messo in evidenza come le le patologie legate ai disturbi alimentari sono correlate al mercato della apparenza con cui si presenta il cibo .
Abbiamo allora svilupapto una strategia cognitiva basata sulla relazione quantita del cibo, precedentemente descritta sulla base numerica del contenuto in calorie, in una nova dimensione fondata sui contenuti di qualita nutraceutica del cibo. Ma anche in questo ambito ogni nostro tentativo di piu profonda comprensione de rapporto tra cibo e bellessere è sfumato in quanto le logiche di mercato hanno valorizzato la qualita dell' apparire favorendo tramite TV e mass media il valore effimero della trasformazione culinaria degli alimenti gestita da scheff pentastellati.
In seguito a tale esperienza ci siamo resi conto che la strategia dl BELLESSERE finalizzata a dar pieno valore alla qualita dell' essere, doveva affrontare un piu profondo e complesso probema del superamento delle concezioni meccaniche in quanto incapaci di rispondere al quesito fondamentale : " Cosa è la Vita" e quindi a come favorire la futura evoluzione modificando la radice delle obsolete concezioni riduzioniste della ormai obsolescente societa' industriale .
Quanto sopra è cio che ci siamo impegnati a realizzare come Cluster -Egocreanet in via progettuale scientifica e culturale come sviluppo della BIOQUANTICA in una logica innovativa e creativa del Bio-vitalismo .
Paolo Manzelli (egocreanet2016@gmail.com)
comment Add Comment

TONG -REN un’esperienza Fantastica di Entanglement nei Rapporti Umani

"TONG -REN un’esperienza Fantastica di Entanglement nei Rapporti Umani "

 

Sintesi della relazione al seminario di TUI-NA , 20/Maggio/2018 <www.tongrenitalia.com>

Tong-Ren Florence. You-Tube: https://www.youtube.com/watch?v=_q0j9JA79ag

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Gli stati mentali nei rapporti umani possono agire come correlazione a distanza di sistemi quantici. Tale correlazione quantica è generata dall' entanglement (= sovrapposizione o intrigo di quanti di energia).

Lo studio quantico dell’Entanglement è recente ed ha avuto inizio con il teorema di John Bell (1964) che contestava l’impossibilità dell’azione a distanza considerata da A.Einstein come Spooki action ( "la fantasmatica azione a distanza").

Successivamente l’Entanglement di quanti di luce fu dimostrato sperimentalmente da un giovane fisico Francese Alain Aspect (1981) ed in seguito più volte è stato sperimentato dal Gruppo di lavoro sul teletrasporto quantico di Anton Zeilinger, che ha prodotto importanti risultati nell’informatica crittografica basata sui QBits (Bit Quantici).

(1)- A.Zeilinger: https://scienze.fanpage.it/nuova-conferma-per-l-entanglement-il-piu-grande-mistero-della-fisica/

Questi esperimenti contraddicono il "realismo locale" dominante la cultura della società industriale chiusa nel paradigma meccanico e, quindi, basata su una  visione del mondo che prevede che la percezione umana “macroscopica” sia oggettiva anziché essere soltanto  una rappresentazione cerebrale riduttiva di una realtà più ampia ed inesplorata a causa di approssimazioni del tutto arbitrarie della scienza “meccanica” o quanto-meccanica, che indubbiamente limitano l'esplorazione di innovative ricerche basate su nuove esperienze e relazioni quantiche tra gli stati cerebrali degli esseri umani, così come avviene nel TONG -REN .

(2)- Entanglement Umano: http://www.gabrielesannino.com/stampa2.asp?st=465

La separazione tra Macro e microcosmo è evidentemente assurda proprio in quanto è arbitrario decidere dove finisce il Macro e dove inizia il Micro;  infatti, tale approssimazione tende ad escludere l'esistenza energetica dell'AURA (dal greco aúra = Soffio »), che, pur non essendo immediatamente visibile “ad occhio nudo”, può effettivamente essere misurabile come emissione di Biofotoni e Biofononi ( irradiati nell'intervallo di frequenze UVA, Visibili e IR), radiazioni queste che creano un debole alone energetico, quasi invisibile alla normale percezione, i cui effetti di Entanglement quantico determinano comunicazione simultanea e sinergica tra gli stati energetici di sistemi biologici.

Tale influenza dell’ entanglement quale correlazione quantistica tra sistemi viventi è macroscopicamente visibile come proprietà emergente d'intima interconnessione tra le energie sottili dell’Aura, osservando il volo coerente di stormi di uccelli, o di grandi assemblaggi di pesci che, invece di muoversi ciascuno in modo indipendente, si comportano come un insieme perfettamente sincronico che sembra diretto da un invisibile direttore d’orchestra. L’ entanglement tra uomini si osserva ad esempio, quando nello sport del Ciclismo si organizza una volata di gruppo per lanciare i più forti velocisti di ciascuna squadra. In tal caso il gruppo di ciclisti si vede muovere e curvare come un'onda coerente che si profila in un’intima interconnessione collettiva verso il traguardo.

(3)- R.Sheldrake- Campo Morfico:

http://psicogenealogia-costellazioni.it/2017/02/campi-morfici-di-rupert-scheldrake.html

Tale simultaneità dell’entanglement agisce inconsciamente anche sugli stati mentali ma può essere esercitata coscientemente come nella tecnologia di auto-guarigione del TONG-REN, favorendo una correlazione quantica delle interferenze di sovrapposizione delle energie sottili, sia in forma di entanglement dell’Aura individuale, in condizioni di vicinanza, ma anche, a maggiore distanza. Questa cosa diviene possibile in seguito ad una maggiore predisposizione mentale cosciente tendente intenzionalmente a ridurre l'indeterminazione del sistema quantico che così permette di aumentare la potenzialità di coerenza  dell’ entanglement  estendendone in ampiezza il campo di non separabilità biologica.

(4)- Oltre l’Entanglement : http://www.bioquantica.org/oltre-l-entanglement/

 

Articolo di Paolo Manzelli , Chimico-Fisico, Presidente EGOCREANET

comment Add Comment

“EPIGENETICA” QUALE FATTORE DI ALTERAZIONE DELLA FUNZIONALITA’ DEL FARMACO

“EPIGENETICA” QUALE FATTORE DI ALTERAZIONE DELLA FUNZIONALITA’ DEL FARMACO

 

L’Industria Farmaceutica ha sempre maggiori difficoltà nell’individuare nuovi principi attivi nella formulazione dei farmaci molecolari, così che oggi risulta problematico il definire l’area terapeutica di interesse, la quale viene a modificarsi  per ragioni “epigenetiche”, le quali modulano le patologie specifiche “personalizzandone” ogni probabile rapporto tra efficacia terapeutica e relativa tossicità del farmaco, ciò proprio in seguito al degrado ambientale che agisce pesantemente sul cambiamento delle funzionalità farmacologiche che modificano il percorso della malattia.

“Drug Discovery Functions & Synthesis of Molecular Modelling”(1)

Questa situazione di cambiamento “epigenetico” delle potenzialità farmacologiche mette in netta crisi gli studi tradizionali di modellazione molecolare delle relazioni lineari di concezione “meccanica” tra modelli di struttura molecolare e le attività terapeutiche per alcune patologie specifiche.

Di conseguenza il cambiamento “epigenetico” degli effetti curativi delle medicine, inducono l’attenzione dell’industria del Farmaco, verso un superamento progressivo delle strategie di sintesi molecolare, indirizzate a trovare nuove modalità di cura, come conseguenza del dover prendere in considerazione molteplici fattori concomitanti di natura “epigenetica”.

In questa situazione di cambiamento delle condizioni epigenetiche che incidono sulle strategie terapeutiche dei farmaci, si affacciano con evidenza le potenzialità delle concezioni “olistiche” a sostegno della complessa attività “biologica e mentale” che nell’insieme sono capaci di armonizzare le funzionalità vitali di prevenzione e cura della salute.

In particolare il “Cluster Egocreanet” agendo nel favorire un processo di revisione “epigenetica” delle potenzialità terapeutiche di un moderno biovitalismo Olistico, inizia con il mettere in evidenza come la farmacologia ufficiale ad oggi non abbia preso in considerazione le relazioni di integrazione tra “mente e materia” le quali incidono efficacemente sulle modificazioni del sistema cerebrale che conducono ad ottenere notevoli effetti psico-terapeutici, attraverso l’efficacia di processi elettromagnetici quantici di informazione biologica. (2)

Questa moderna impostazione dove l’Epigenesi rappresenta un ponte tra le attività della mente e quelle della cura verrà vista in relazione al cambiamento della funzionalità tradizionale del farmaco con l’obiettivo di individuare la moderna riconversione epistemiologica delle metodologie di rivitalizzazione bioquantica /olistica della salute.

Quanto sopra detto verrà discusso al convegno del 24 maggio 2018 a Firenze sul tema: Acqua, Luce e Suono nella programmazione epigenetica del benessere, (4).

di Paolo Manzelli

Biblio on Line:

(1) - Farmacologia Principi attivi:

http://www.chimicare.org/curiosita/la-chimica-e-la-salute/come-nasce-un-farmaco-il-lungo-percorso-della-chimica-in-favore-della-salute/?WPACRandom=1525767586#comment-37453

(2) - BIOQUANTICA : www.bioquantica.org

(3) NB: il termine “epigenetica” è stato coniato per la prima volta da C. H. Waddington nella metà degli anni ’50 per indicare lo studio delle interazioni tra fattori genetici e sviluppo embriologico. Attualmente, la ricerca sull’ Epigenoma si occupa di studiare le variazioni della potenziale espressione genica durante lo sviluppo di cellule e tessuti biologici che hanno coprono un ruolo estremamente importante durante la vita adulta e l’invecchiamento per effetto dell’ambiente

http://www.rivistadipsichiatria.it/r.php?v=1407&a=15618&l=22663&f=allegati/01407_2014_01/fulltext/01-Editoriale%20(1).pdf

(4) - Egocreanet / Cluster: programma in: http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=101516  ; http://www.egocrea.net

comment Add Comment

EPIGENETICA delle relazioni Quantiche tra Mente-Cervello

EPIGENETICA delle relazioni Quantiche tra Mente-Cervello

”La mente – è più grande del cielo – Perché – se li metti fianco a fianco – L’una contiene l’altro – Facilmente e te – anche” Emily Dickinson - Citazione da Tutte le poesie, Milano, Mondadori, 1997 (p. 717)


L’ Epigenetica significa Oltre la Genetica e tratta dei cambiamenti che influenzano la regolazione della espressione genetica della vita.

La vita è un sistema aperto al cambiamento indotto da fattori epigenetici esterni, tra essi “l’alimentazione” che, tramite il metabolismo, produce energia biologica, la “luce del sole” che ad es. attiva nella pelle la produzione di vitamina D e la maturazione della melanina a protezione del DNA, “l’ acqua” come base di rigenerazione della vita ed il “suono e le vibrazioni non udibili” che sensibilizzano varie attività vitali.

Inoltre, sapendo che l’immaginazione, l’intuizione, la creatività ed anche l’elevamento di coscienza dell’ uomo sono elementi costitutivi della mente che non fanno parte della eredità genetica, dobbiamo ammettere tra i fattori epigenetici l’azione di Energie Sottili e/o Vitali, capaci di agire come “Energia di Informazione” sulle attività proprie della “mente” che è attiva in una dimensione che va oltre le attività cerebrali . (1)

Il cervello infatti è un potente adattatore dell’“energia di informazione epigenetica” in quanto è capace di riprogrammare i circuiti del sistema nervoso e relazionarsi con le attività di crescita e sviluppo biologico. Pertanto la “mente” è una rete di interazioni “quantiche “là dove ogni cosa al mondo è potenzialmente collegata ad ogni altra”. (2)

Pertanto la mente rappresenta la potenzialità superiore che dà forma alle attività quantiche-cerebrali modulando la dinamica di espressione genetica dei neuroni. (3)

Il riduzionismo genetico della scienza meccanica e quanto-meccanica fino ad oggi “non” ha preso coscienza della complessità delle relazioni tra “mente e cervello” cosi che il riduzionismo scientifico ha provocato una cecità culturale in proposito del cambiamento di paradigma che la moderna concettualità sull’azione dell’epigenoma oggi induce per attivare un più ampio rinnovamento nella comprensione delle scienze della vita.

A tal proposito Il Cluster /EGOCREANET propone di innalzare il livello di consapevolezza sulle relazione mente-cervello –quantico– nella auto-organizzazione della salute e della vita, superando le cognizioni deterministe della genetica proprio in quanto paradossalmente tale riduzionismo conduce alla incomprensione della funzionalità del cervello nel produrre creativamente il pensiero quale base di un rinnovamento cosciente della evoluzione della stessa conoscenza. (4)

Infatti le interconnessioni tra Mente e Cervello Quantico vengono modulate da segnali epigenetici di informazione ambientale –globale , che trasformano la rete cerebrale di interazioni elettrochimiche dando plasticità di gestione, attraverso le sinapsi elettriche e chimiche, all’attività dei neuroni al fine di riorganizzare la comunicazione dei circuiti cerebrali che presiedono alla crescita, all’ invecchiamento e alla salute del vivere.

 

 

Articolo di Paolo Manzelli

egocreanet2016@gmail.com

Biblio on Line

(1) –“Energia di Informazione “ : https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=34018
(2) - Il Cervello Quantico : http://www.neuroscienze.net/il-cervello-quantico-e-la-comunicazione-di-biofotoni/
(3) - Blog.Bioquantica : http://www.bioquantica.org/blog/
(4) Convegno EGOCREANET 2018: https://dabpensiero.wordpress.com/2018/05/06/acqua-luce-e-suono-nella-programmazione-epigenetica-del-benessere-2/